Agrigento Bivona

Bivona

Agrigento - Guida di Agrigento

Arte - Cultura - Storia - Mare - Turismo - Vacanza

Agrigento Bivona

Agrigento   Agrigento
 
Comune di Bivona

...terra di mare...terra d'amare...


Bivona

Comune di Bivona


STORIA

Il primo documento storico che riguarda Bivona risale al 1160, al tempo di re Ruggero II e dei suoi successori Guglielmo I e Guglielmo II. In tale periodo era un semplice casale abitato da popolazione musulmana che lasciò tracce evidenti nella fonetica, nel dialetto (hanèa) e nella toponomastica locale (Giddia, Karnicola, Mailla, canfuto). Divenuta nella seconda metà del secolo XII uno dei principali abitati della Sicilia centro-meridionale, Bivona fu infeudata alla fine del Duecento. Risalgono a tale periodo l'antica Chiesa Madre, dal magnifico Portale Gotico-Chiaramontano, e il castello, che venne ricostruito nel 1359 dall'ammiraglio Corrado Doria. Passata in feudo dai Chiaramonte ai Peralta e all'inizio del Quattrocento, ai Luna, la città venne coinvolta nella contesa che nel XV e XVI secolo oppose quest'ultima famiglia ai Perollo e che si concluse sanguinosamente nel 1529 col famoso Secondo Caso di Sciacca. Il secolo XVI fu per Bivona il periodo di maggiore splendore. Elevata a città ducale (1554), raggiumse gli 8.000 abitanti, godette di una notevole floridezza economica e si arricchì di complessi conventuali e monastici, edificati dai numerosi ordini religiosi che si stabilirono nella città: il Convento dei Carmelitani il Convento dei Carmelitani (XIV secolo), dei Dominicani (1490), degli Osservanti (1500), il Monastero delle Benedettine (XV secolo), il Convento dei Cappuccini (1572), il Collegio dei Gesuiti (inizi del XVII secolo), ed il Convento estraurbano degli Eremiti Agostiniani (1614), che venne edificato nei pressi della Madonna dell’Olio. Nel Seicento iniziò per Bivona una lenta decadenza economica e demografica, in cui ebbe gran peso la fondazione di un gran numero di nuovi centri abitati nelle sue vicinanze, ma che non impedì la costruzione di nuove chiese e palazzi nobiliari e l’ampliamento ed il restauro di quasi tutti i fabbricati religiosi. Nel 1812, abolita la feudalità, Bivona venne prescelta come capoluogo di Distretto e dal 1818 al 1927 fu sede prima di Sottintendenza e poi di Sottoprefettura, divenendo un importante centro amministrativo per altri 12 Comuni dell’ entroterra dell’agrigentino. A partire dagli ultimi anni sessanta la città è diventata sede di numerose scuole e centro di servizi della zona montana. La sua risorsa principale è, in agricoltura, la coltivazione del pesco.

Sito web del Comune di Bivona
Mappa Comune di Bivona (lat e long)
Mappa Comune di Bivona

Coordinate di Bivona
Latitudine: 38.7
Longitudine: 16.1

C.A.P.: 92010
Prefisso: 0922
Codice F.: A896
Codice Catastale: U2AD


Residenti (T) : 4.225
Residenti (M) : 2.057
Residenti (F) : 2.168
Densita per Km2: 47,7
Superfice Km2: 89.8936170213

 

Agrigento

 

Agrigento

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento Provincia

...terra di mare...terra d'amare...


Comuni della Provincia di Agrigento

 

Agrigento

 

Lampedusa

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento




 

Agrigento

 

Agrigento


Guida di Agrigento

 

Guida di Agrigento - Copyright © 2000 - Tutti i diritti riservati. Aggiornato il: