Agrigento Castrofilippo

Castrofilippo

Agrigento - Guida di Agrigento

Arte - Cultura - Storia - Mare - Turismo - Vacanza

Agrigento Castrofilippo

Agrigento   Agrigento
 
Comune di Castrofilippo

...terra di mare...terra d'amare...


Castrofilippo

Comune di Castrofilippo


STORIA

Castrofilippo è un comune della provincia di Agrigento. Confina a Sud con il territorio di Naro ed a Est con quello di Canicatti, a Nord con Racalmuto ed a Ovest con Favara. E’ situato a 470 metri sul livello del mare e il suo territorio si estende per circa 18 Kmq. Conta circa 3.000 abitanti (3.104 al 31/12/2008). Ma, puntiamo ora la nostra attenzione su quelli che sono i punti più caratteristici del centro storico del paese: essi rappresentano le testimonianze della memoria storica, dove poter ancora scrutare le tracce del passato che ancora resiste al tempo e agli uomini. Si inizia dai " canali " dove scorreva quell’ acqua che era fonte di vita per gli abitanti del paese, risalendo per i vicoli e le scalette si arriva al cortile Castello, dove un tempo si trovava la residenza dei Morreale, fulcro urbano del primitivo nucleo abitato, da dove è partita la costruzione di tutto il paese. Si scende alla Chiesa di Maria SS. del Rosario con la sua caratteristica scalinata. Attraverso l’asse del Corso Umberto si va alla Piazzetta Rinaldi che alla fine dell’800 rappresentava il cuore della vita sociale di Castrofilippo. Il nostro percorso prosegue tra i vicoli fino ad arrivare alla Chiesa di S.Antonio Abate . Costruita intorno alla fine del 1600, rappresentava per il vicino quartiere "Cannatone", il luogo di riunione e di culto per il Santo a cui erano devoti. Ancora oggi, non solo i contadini , ma tutto il paese, di cui è il patrono, lo ricorda a giugno con una grande Festa. Il nostro itinerario si conclude attraversando l’antico quartiere Cannatone fino ad arrivare al vecchio mulino.

PERIODO GRECO ROMANO
La presenza di insediamenti umani di popoli preistorici (Sicani) nelle numerose grotte che si trovano nel territorio di Castrofilippo, seppure molto verosimile, non e' suffragata da prove archeologiche e documentali sicure. L'esistenza di una colonia greco-romana e' invece ampiamente documentata da una piccola necropoli e da numerosi reperti archeologici. E' molto probabile che si trattasse di una "statio" collocata in una diramazione della via Valeria che collegava Messana (Messina) con Lilibeum (Trapani), passando Tauromemium (Taormina), Gelasium Philosophiana (Piazza Armerina), Agrigentum (Agrigento). Tracce piu' sicure della presenza degli Arabi si riscontrano in un sito a nord ed appena fuori dell'attuale insediamento urbano, dove si trovano i residui di un castello (probabilmente l'Al Minshar di cui parlano gli storici arabo-normanni). Anche se l'originaria struttura urbanistica (forse a pianta regolare con 4 o 5 torri, le cui basi sono in parte riconoscibili) e' stata modificata nel tempo e si presenta fortemente deteriorata dall'incuria del tempo e dall'opera dell'uomo, le tracce dei camminamenti, alcuni gradini. gli anelli per legare i cavalli scolpiti sulla pietra, le grotte adibite a palmenti, a stalla, a cucina hanno ancora il fascino suggestivo dei ricordi di un passato che, per non essere chiaramente definito da testimonianze e documenti dettagliati e sicuri, lascia ampio spazio alla fantasia e perfino al sogno. La presenza di insediamenti umani di popoli preistorici (Sicani) nelle numerose grotte che si trovano nel territorio di Castrofilippo, seppure molto verosimile, non e' suffragata da prove archeologiche e documentali sicure. L'esistenza di una colonia greco-romana e' invece ampiamente documentata da una piccola necropoli e da numerosi reperti archeologici. E' molto probabile che si trattasse di una "statio" collocata in una diramazione della via Valeria che collegava Messana (Messina) con Lilibeum (Trapani), passando Tauromemium (Taormina), Gelasium Philosophiana (Piazza Armerina), Agrigentum (Agrigento).

PERIODO ARABO NORMANNO
Tracce piu' sicure della presenza degli Arabi si riscontrano in un sito a nord ed appena fuori dell'attuale insediamento urbano, dove si trovano i residui di un castello (probabilmente l'al-Minshar di cui parlano gli storici arabo-normanni). Anche se l'originaria struttura urbanistica (forse a pianta regolare con 4 o 5 torri, le cui basi sono in parte riconoscibili) e' stata modificata nel tempo e si presenta fortemente deteriorata dall'incuria del tempo e dall'opera dell'uomo, le tracce dei camminamenti, alcuni gradini. gli anelli per legare i cavalli scolpiti sulla pietra, le grotte adibite a palmenti, a stalla, a cucina hanno ancora il fascino suggestivo dei ricordi di un passato che, per non essere chiaramente definito da testimonianze e documenti dettagliati e sicuri, lascia ampio spazio alla fantasia e perfino al sogno. Con la caduta degli Arabi e l'avvento dei Normanni il castello e l'insediamento umano che a questo faceva riferimento, subi' un processo di progressiva emarginazione. Con il fenomeno del ripopolamento delle campagne, avviato in Sicilia dalla monarchia spagnola, viene fondato nel 1584 l'attuale centro abitato, che si estende, seguendo uno schema "a griglia", attorno al castello baronale e alla fontana, che sara' detta dei "canali". Nei secoli successivi il piccolo centro rurale crebbe lentamente fino a raggiungere 900 abitanti all'inizio del '700 e oltre il doppio un secolo dopo.

Nel primo censimento del Regno d'Italia nel 1861 a Castrofilippo vennero registrati 2558 abitanti. All'inizio del XX secolo Castrofilippo contava oltre 4.000 abitanti, che diventano oltre 5.000 vent'anni dopo.
Da allora ebbe inizio un progressivo decremento demografico che portò la popolazione a 3.600 abitanti attuali.
Gia' all'inizio del secolo, infatti, le difficoltà economiche derivanti dal forte squilibrio tra le risorse e l'incremento della popolazione innescarono un forte processo migratorio che si intensifico' progressivamente negli anni successivi, attenuatò negli anni '70 - 80 in concomitanza con il boom dell'Uva Italia ed è ripreso nell'ultimo decennio in presenza della crisi di questo comparto. I fratelli Ruggero e Roberto d’Altavilla, allora presenti in Calabria, nel 1086, con un potente esercito, scacciarono i saraceni dall’isola. Così i normanni occuparono la Sicilia prendendo il posto degli arabi. Eliminato il potere arabo nell’isola e ricacciato il grosso della sua rappresentanza, in Sicilia permaneva una popolazione mista, formata dalla discendenza delle varie genti che vi erano insediate nei secoli: Sicani, Siculi, Greci, Romani, Barbari, Arabi, e adesso, Normanni. Gli arabi avevano dominato per secoli ed avevano introdotto quindi, oltre ad una loro discendenza, anche i loro usi e costumi, una parte dei quali ancora persiste. Avevano anche lasciato una loro testimonianza culturale, che ancora si palesa in palazzi e in opere che arricchiscono il patrimonio artistico dei musei. Diversi secoli dopo, del castello di al-Minshar non se ne parla più, ritroviamo, invece, il casale di Libigini.

FONDAZIONE DI CASTROFILIPPO
La storia di Castrofilippo è stata scritta dalla famiglia Monreale . Castrofilippo fu fondato nel 1584 ad opera di Stefano Monreale, barone del feudo Libigini. Il paese fu chiamato Castrofilippo in onore di Filippo II, re di Spagna “da Castra Philippi” = accampamento di Filippo. Il paese fu costruito nel tipico schema a griglia. Nella parte occidentale era il palazzo signorile, in quello che sarà detto il “quartiere della fontana”. Da li si dipartiva la “strada di lu cassaru”, com’era chiamata fino a qualche decennio fa e che corrisponde all’attuale parte alta di Via Vittorio Emanuele. In fondo a questa, di fronte al probabile ingresso principale del palazzo baronale, stava una chiesetta di cui si hanno scarsissime notizie. Essa fu probabilmente la prima chiesa di Castrofilippo ed era dedicata, si dice, a S. Lucia. Il palazzo baronale (diverrà ducale dopo quasi mezzo secolo, con Visconte Cicala I duca di Castrofilippo) era di forma quadrilatera con al centro un cortile, oggi cortile Castello. Alla base del monte su cui sorgeva il palazzo baronale c’è una fontana (“li canali” ). Dal Palazzo baronale si dipartiva un’altra strada, quasi perpendicolare alla prima, che conduceva al borgo, alle abitazioni dei contadini, cioè al quartiere Cannatone. Non si sa quante persone abitassero il paese al momento della fondazione (forse 784 abitanti e 210 nuclei familiari), ma nel 1595 esse erano 558. La famiglia dei Monreale si estinse con la morte del terzogenito del duca Giuseppe (V duca). Maurizio Monreale, nel 1629 iniziò la costruzione della chiesa Madre i cui lavori terminarono nel 1635 e l’11 gennaio di quest’anno venne inaugurata. II Duca di Castrofilippo, Maurizio Monreale, mutò notevolmente il volto del paese con le nuove costruzioni. La sua figura di innovatore richiama quella del nonno, Stefano, fondatore del paese. Maurizio Monreale morì nel 1662. A lui subentrò Domenico Monreale che, sposò Melchiorra Montaperto , continuò l’opera di costruzione e di espansione del paese già intrapresa dal padre. Domenico nel 1681 acquistò il feudo Mendola, oggi Realmente e, per la edificazione del nuovo feudo, vi trasferì circa 250 persone (quasi tutte di Castrofilippo). Domenico costruì due masserie, una all’Azzalora (acquistata poi dai Rinaldi di cui ancora oggi restano alcuni ruderi) e l’altra in contrada Quadro. La famiglia Monreale cessa con Ippolita, IX duchessa, che sposa Giuseppe Del Bosco (Principe di Belvedere). Il 1° sindaco di Castrofilippo fu il notaio Giuseppe Geraci di Agrigento, portato qui dal principe Giuseppe Del Bosco, che durò in carica circa tre anni, dal 1818 al 1820. Il primo parroco del paese fu il Sac. Vincenzo Galassi.

Sito web del Comune di Castrofilippo
Mappa Comune di Castrofilippo (lat e long)
Mappa Comune di Castrofilippo

Coordinate di Castrofilippo
Latitudine: 37.35
Longitudine: 13.7666667

C.A.P.: 92020
Prefisso: 0922
Codice F.: C341
Codice Catastale: U2AM


Residenti (T) : 3.237
Residenti (M) : 1.522
Residenti (F) : 1.715
Densita per Km2: 180,2
Superfice Km2: 17.9833333333

 

Agrigento

 

Agrigento

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento Provincia

...terra di mare...terra d'amare...


Comuni della Provincia di Agrigento

 

Agrigento

 

Lampedusa

Agrigento   Agrigento
 
Agrigento




 

Agrigento

 

Agrigento


Guida di Agrigento

 

Guida di Agrigento - Copyright © 2000 - Tutti i diritti riservati. Aggiornato il: